Pagina 11

.

Seconda parte: 1916

.

8 febbraio = Partenza da Bologna ore 4. Viaggio in carro merci. Arrivo a Palmanova alle ore 20. Cannonate, nottata in una stalla. Quanti rimpianti!

9 febbraio = A Bicinicco sotto la pioggia, fredda e tagliente …

Con tutto il corredo e le armi. Che noia la sciabola sulle gambe! …

10 febbraio = Ricomincia la solita vita. Mi pare di svegliarmi come da un sogno …

Penso a tante cose! Rimpiango tante cose. Buon Gesù io vorrei essere buono! … Quanti rimpianti! Tutto è svanito come un sogno … uno di quei sogni dorati che lascian tanta delusione! … “Te Deum laudamus” Gesù fate che io sia buono e pieno di Voi! Che io non ritorni solo! … Vorrei … vorrei …

Gesù esauditemi. Che commedia è il mondo! Che tragedia comica.

Non sono capace di formulare uno solo dei miei pensieri …

E ne ho tanti! … Quanta nostalgia! … Gesù io vorrei essere buono, vorrei tornare in Seminario, con Voi, con tutti i miei cari amici … con tutti.

Veggo le Alpi splendide di neve lucente al sole ghiacciato. Quella purezza incontaminata mi fa rivivere mille nostalgie! … Gesù! Io sono sperduto in questo caos come un pulviscolo … Soffro di cuore, di animo.

Soffro per colpa mia … Ma, deh! Abbiate un poco pietà di me.

20 febbraio = Bicinicco. Comunione. Gesù fate che io Vi ami come un tempo, quando ero in Seminario.

21 febbraio = Vorrei che qualcuno vedesse i contrasti, i rimpianti che io soffro. Gesù, ma Voi li vedete! Vero? …

22 febbraio = Non sono più quello di prima! Lo sento … Lo veggo in tutto me stesso!

23 febbraio = Perché questo cambiamento in me? E sto tanto male così! … 24 febbraio = Di quanti mali non è causa la guerra! … Quante disgrazie ho sofferto io per essa! …

25 febbraio = Ne ho colpa io se questa vita mi ha fatto perdere ogni energia dell’animo? Forse si!

La guerra potrà essere un’attenuante …

26 febbraio = Meglio era morire ai primi assalti … meglio che sopravvivere a tante morti per ridursi così. Voi Gesù lo sapete.

27 febbraio = Voi sapete, o Gesù, se l’offerta che Vi facevo de la mia vita era sincera! … Ma io non ero degno di tanto bene! … Ed ora? …

28 febbraio = Quosque tandem? …

29 febbraio = Pioggia, neve, fango. Quanto fango! C’è da imbrattarsi da capo a piedi … Fino nell’animo! …

1 marzo 1916 = Perché tutto questo? … Perché? Perché? …

Perché sempre soldato, sempre in guerra? …

2 marzo = Morari est descendere! Non tutta la colpa è la mia; buona parte sì! …

3 marzo = Nihil sub caelo novi! …

4 marzo = Gesù fatemi ritornare come ero prima … Fate che io non ritorni solo …

5 marzo = Nessun maggior dolore che ricordarsi nel tempo felice della miseria! …

6 marzo = Rimpianti, sogni, disillusioni: ecco la vita! …

7 marzo = Carnevale! San Tommaso! … Quanti ricordi … ameni.

Oh! Il bel tempo del Seminario!

8 marzo = Le ceneri. Memento homo quia pulvis es … sei polvere! … Sei in guerra … e c’è tanto vento! …

9 marzo = Piove: acqua, neve, tristezza … e fango … quanto fango, viscido, freddo, insolente! …

10 marzo = Pioggia, acqua, freddo. Freddo nelle membra, nel cuore, nell’animo …

11 marzo = Acqua e fango … Fango per tutto: nel viso, nei capelli, nella camicia, nell’animo.

12 marzo = Terremoto: Gesù fatemi buono, fatemi quello di prima …

Abbiate pietà del mio povero stato … Fate che io ritorni in seminario …

13 marzo = Gesù fatemi buono e sarò felice! …

14 marzo = Gesù fatemi tornare coi miei! …

15 marzo = Sono stanco, molto stanco. Dentro la mia mente si agita un non so che di troppo penoso.

16 marzo = Sono freddo nell’animo in modo triste … Non so più nulla, non capisco più nulla …

17 marzo = Gesù, dolce Gesù che io Vi amavo con tanto fervore! Ed ora sono pieno di tanta inquietudine! …

18 marzo = ”Domine, Domine, quid me vis facere?” Non mai come ora ho avuto chiaro così il senso della mia nullità.

19 marzo = Domenica. Carpe diem … 0ggi Gesù santificherete il mio povero cuore …

20 marzo = Gesù tenetemi le vostre mani sul capo …

21 marzo = Carpe diem … piove a catinelle …

Che divertimento se fossi un’oca per davvero …

22 marzo = Chi ero io? Chi sono adesso?

23 marzo = Homo homini lupus. Ormai il vecchio poeta ha ragione. Qual è più lupo ora? Il lupo o l’uomo?

24 marzo = A volte mi dico, o meglio sento dirmi di dentro: vorrei essere un 305 per scoppiare vicino a qualcuno, vicino a chi? Non so neppur io a chi! …

25 marzo = Tornan le rondini della Vergine, le viole fioriscono ormai: primavera! Quando verrà essa nel mio cuore? … O mamma, sei tu oggi la mia primavera; ho ricevuto oggi il tuo panino: com’era buono, o mamma, il pane impastato con le tue mani sante! …

26 marzo = Domenica. Meminisse iuvabit … morivo per il mal di denti … me ne hanno levato uno lasciandolo rotto a metà. Anche questo per la grandezza dello stivale! …

27 marzo = Gesù! Dolce e buono.

Gesù caritatevole e generoso, ricordatevi di quando ero buono … dei desideri che avevo allora … di ciò che allora Vi chiedevo …

28 marzo = Vorrei essere a casa mia, perché là sarei contento …

29 marzo = Sono stanco di questa vita, di questa guerra. Non sono mai stato interventista …

30 marzo = Scrivere un pensiero al giorno … Oggi non so pensare! …

31 marzo = Addio marzo! Quest’altro marzo dove lo passeremo?

1 aprile = Un pesce d’aprile grosso! La passeggiata a Trieste degli interventisti. L’entusiasmo delle truppe.

2 aprile = Domenica. Gesù sorridetemi sempre … fate che sempre nel mio povero cuore spiri il Vostro amore, ed io non temerò nulla …

3 aprile = Ogni seme rinasce: ogni ramo ha il proprio fiore, ed io Gesù, quando rifiorirò nel Vostro amore?

Quando rinascerò e fruttificherò per Voi? …

4 aprile = Perché oggi mi sento così mesto, così triste? … Vorrei oggi fuggire … fuggire da Voi Gesù … per consumarmi nel Vostro amore, per distruggermi nell’amore del mio prossimo … E poi Gesù?

5 aprile = Gesù! Fatemi tornare come ero prima! …

6 aprile = Fonte inesauribile di novità e ilarità questa disciplina, con questi superiori! …

7 aprile = Primo venerdì del mese: dolce cuore di Gesù! … Sì ricordo Gesù …

8 aprile = Giornate belle di primavera, giornate di ozio e vagabondaggio, giornate negative …

9 aprile = O primavera, gioventù dell’anno!

O giovinezza primavera della vita!

La mia primavera l’ho passata tutta o in caserma o al campo! …

10 aprile = Non penso più … perché per me vi sono altri che pensano! … e non so pensare se non per ridestare rimpianti …

11 aprile = L’uomo propone … Dio dispone! … Ove sono ora i miei poveri propositi? Naufragio …

12 aprile = Piove tristemente! Quest’acqua grigia che filtra sì pigramente dal cielo, quanto si rassomiglia ai miei poveri pensieri! …

13 aprile = Bagnaria. 15° Bersaglieri.

Fino a quando durerà la guerra? …

14 aprile = Se fossi a casa! Se fossi sempre stato a casa! … Quanto sono infelice! Così! …

15 aprile = Domine, domine, quid me vis facere? …

Signore io non dovrò far sempre il soldato! … Come potrò ritornare al vostro Santuario? …

16 aprile = Domenica delle Palme. Domenica dell’ulivo! Domenica di pace! E qui presso tuona il cannone, e sopra di noi volano i nemici con le loro bombe! E fino a quando? …

17 aprile = Gesù io Vi prego a mantenermi sempre vostro, a purificare il mio cuore da tutto il fango che vi può essere caduto … sia pure con la morte sul campo …

18 aprile = Ho scritto a tutti i miei amici oggi … Quanti dolci ricordi! … Ritorneranno i bei giorni?

19 aprile = Domenica è Pasqua! … Perché siamo sempre in guerra? Perché tanta tristezza? …

20 aprile = Gesù fate che la vostra Pasqua segni anche per me Risurrezione … Gesù non dimenticatevi! …

21 aprile = Venerdì Santo! … Santa Maria La Longa, Trivignano, Dogana, Falmiero. Ho rivisto il vecchio confine, quello che passammo di giugno 1915. Chi avrebbe allora pensato a tutto ciò che mi è capitato? …

22 aprile = Sabato santo! … Gaudae et laetare … Quia surrexit Dominus vere Alleluia! Gesù fatemi partecipe della Vostra Pasqua! …

23 aprile = Domenica. Pasqua a Bicinicco. La terza Pasqua sotto le armi, la seconda in guerra. Quest’altra dove? …

24 aprile = Ieri: Pasqua, è piovuto sempre … Oggi ci sono più nubi del solito nel cielo e nel mio povero cuore …

25 aprile = Non so che cosa dire …

26 aprile = Cervignano. Con quanta nostalgia vorrei tornare a casa! …

27 aprile = Quel tale diceva: Penso, quindi sono.

Io che non penso cosa dovrei dire? Che non sono! … Del resto che cosa sono ora? … un - ! …

28 aprile = Vorrei tornare bambino, per essere buono, per passar meglio la mia adolescenza … Vorrei tornare come ero l’anno scorso …

29 aprile = Video meliora proboque … Chi mai avrebbe l’anno scorso immaginato tanto disastro? …

30 aprile = Essere buono, Signore, amarvi sempre sopra ogni cosa! Poi: patire per Voi … soffrire fino alla morte! … Fatelo Gesù! …

 


Pagina 11

.A cura di Maurizio Sampieri